sabato 16 settembre 2017

Sbriciolata alle mele con crema



Ho comprato delle mele renette, le prime della stagione! Ho pensato subito ad una torta di mele, la prima della stagione! 
Ma la solita torta di mele...no, deve essere una "sbriciolata".
Una visita a unabloggerincucina.it di Federica Gelso Giuliani che di sbriciolate è ricco ed ecco la mia "Sbriciolata di mele alla crema".

Ingredienti:

Per la frolla sbriciolata:
300 gr di farina 00
100 gr di burro
100 gr di zucchero
1 uovo
8 gr di lievito in polvere
1 pizzico di sale

Per la crema pasticcera:
5 tuorli
150 gr di zucchero
500 gr di latte intero
50 gr di farina
Scorza dilimone grattugiata

Per il ripieno:
600 gr di mele renette
1 noce di burro
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaio di succo di limone

Procedimento:
Per prima cosa preparare la crema pasticcera. Mettere in una pentola i tuorli con lo zucchero e lavorare fino ad ottenere un composto spumoso, aggiungere la scorza di limone e la farina setacciata.
Scaldare il latte e aggiungere a filo sul composto di uova e cuocere finchè la crema non si sarà addensata. 
Vuotare in una ciotola, coprire con pellicola a contatto e lasciare raffreddare.


Sbucciare le mele, tagliare a dadini e saltare velocemente in padella con la noce di burro, lo zucchero e il succo di limone. Trasferire in una ciotola a raffreddare.


In una ciotola mettere farina, zucchero, lievito e l'uovo. Sciogliere il burro a microonde e vuotare nella ciotola sugli altri ingredienti, cominciare a lavorare con la punta delle dita fino a formare tante briciole


Imburrare uno stampo a cerniera da 24 cm. Disporre la metà delle briciole e compattare un pò con le mani, versare la crema pasticcera già fredda, le mele a cubetti e le restanti briciole di frolla.


Infornare a 180° per 30 minuti.
Raffreddare per alcune ore e spolverizzare con zucchero a velo.


Servire questa torta dal cuore morbido anche a fine pasto...è squisita!
"Ho un debole per le briciole"...






















lunedì 21 marzo 2016

Torta al latte caldo


Questa è una torta molto semplice, una torta che sa di buono, di casa, di genuino.
Si prepara incorporando latte caldo al composto di uova, farina e zucchero; ricorda un pò la torta Margherita, soffice e delicata.
Vi invito a provarla...non l'abbandonerete più!

Ingredienti:

120 gr di latte fresco intero
60   gr di burro
165 gr di zucchero
165 gr di farina 00
3     uova
6     gr di lievito
Un pizzico di sale
Buccia di limone
Zucchero a velo per decorare

Procedimento:

Sbattere le uova nella planetaria o con un frullino, aggiungendo a poco poco lo zucchero. 
Montare per 10 minuti fino a che il composto non sarà triplicato.
Nel frattempo scaldare il latte con il burro senza portarlo a bollore.
Quando il composto di uova e zucchero sarà molto gonfio aggiungere la farina setacciata con il lievito, il pizzico di sale, la vaniglia o la buccia di limone.
Mischiare con una spatola con movimenti dal basso verso l'alto, quindi aggiungere a filo il latte caldo con il burro sciolto continuando a mescolare delicatamente.
Vuotare il composto in una tortiera imburrata e infarinata evitando di sbatterla troppo altrimenti andrete ad eliminare l'aria incorporata con la lavorazione precedente.
Cuocere in forno statico a 175° per 30 minuti circa...fate la prova stecchino per controllare la cottura interna.
Attendere il raffreddamento per estrarla dallo stampo e spolverizzarla con lo zuccheroa velo.


La torta al latte caldo è ottima per la merenda dei bambini!


Ma anche per le merende degli adulti...


venerdì 11 marzo 2016

Sbriciolata con crema di ricotta e limone


Catturata dalle sbriciolate!! Ultimamente ne ho sperimentate alcune..tutte molto buone e anche veloci da fare.
Questa con crema di ricotta e limone è semplicissima ed è ottima a fine pasto..fresca, gustosa e morbidissima!

Ingredienti:

Per la sbriciolata:
250 grammi di farina 00
1 uovo
100 gr di burro freddo di frigorifero
100 gr di zucchero semolato
mezza bustina di lievito per dolci
Per la crema:
250 gr di ricotta vaccina
1 limone ( sia il succo, che la buccia)

100 gr di zucchero semolato ( potete aumentare o diminuire a seconda del gusto)zucchero a velo per decorare

Procedimento:
In una terrina mescolare la farina con l’uovo, il lievito lo zucchero ed il burro, impastate energicamente con le mani ma non troppo, l’effetto deve essere sbriciolato.



In una terrina a parte amalgamare la ricotta con lo zucchero ed il succo del limone , unire la buccia del limone grattata e mescolare ancora.


Prendere una tortiera da 22 cm di diametro e rivestirla con un foglio di carta forno, mettere sulla base metà impasto e compattarlo bene, unire la crema di ricotta e limone e completare il dolce con l’altro impasto sbriciolandolo sopra alla crema con le mani.

Cuocere la sbriciolata in forno preriscaldato a 180° per circa 25 minuti. 

Lasciare raffreddare la sbriciolata e sistemarla in un piatto da portata.


Servirla poi a fette, golose, morbide e cremose!!






venerdì 26 febbraio 2016

Pate Sucrée con cioccolato e pere


A casa nostra i compleanni arrivano sempre in coppia, quindi la torta deve essere importante e sopratutto di cioccolato!
Consulto timorosamente il blog di Pinella, una "maga" della pasticceria. Se non la conoscete ve la consiglio qui
Non oso neanche avvicinarmi ai suoi dolci talmente sono elaborati, perfetti, sfiziosi e anche parecchio complicati. Ma gira che ti rigira ho trovato questa torta che mi sembrava un pò più semplice di altre e mi sono cimentata. 
Il risultato eccolo qua..non perfetta come la sua ma di una bontà incomparabile!

Ingredienti:

Per la Pate Sucrée

230 gr di farina 00
140 gr di burro morbido
50   gr di uova intere
20   gr di tuorli
90   gr di zucchero
40   gr di farina di mandorle
1/2  bacca di vaniglia (facoltativo)
un pizzico di sale

Per le pere caramellate

3 pere a polpa soda
3 cucchiai 
cannella (io no)

Per la Ganache al cioccolato

170 gr di cioccolato fondente 
30   gr di cioccolato al latte
150 gr di latte
150 gr di panna
50   gr di uova intere 

Procedimento:

Per la Pate Sucrèe

Versare il burro tagliato a dadi nella ciotola e impastare con la foglia oppure con una spatola fino a renderlo cremoso. Aggiungere lo zucchero a velo, continuare la lavorazione. Profumare l'impasto con la polpa della bacca di vaniglia, aggiungere anche la farina di mandorle.
Mescolare le uova e i tuorli con una forchetta, versarli nella ciotola, amalgamare. Completare la lavorazione con l'aggiunta della farina ben setacciata. 
Estrarre la pasta dalla ciotola, stenderla in una sorta di disco e farla riposare in frigo per almeno un paio d'ore.
Alla fine del riposo, velare il piano di lavoro con un po' di farina, stendere la pasta ad un'altezza di 1/2 cm e rivestire il fondo e le pareti di uno stampo da 24 cm di diametro, precedentemente imburrato ed infarinato. Far riposare in frigo ancora per un'ora. Coprire la pasta con un disco di carta da forno, adagiarvi dei fagioli secchi oppure dei pesetti in ceramica e  infornare a 170°C per circa 15 minuti.


Per le pere caramellate:

Sbucciare le pere. Tagliarle a fette regolari e quindi a dadetti di circa 1/2. Versare lo zucchero in una padella e farlo caramellare. Aggiungere le pere e farle appassire fino a renderle morbide ma ancora leggermente croccanti. Profumare con un pizzico di cannella macinata. Tenere da parte. Al momento, stendere i dadetti di pera sul fondo della tarte in modo uniforme.


 Per la ganache al cioccolato:

Portare ad ebollizione il latte e la panna. Sciogliere i due cioccolati. Mescolare l'uovo in una ciotola. Versare adagio il latte e la panna caldi al centro del cioccolato e realizzare una fine emulsione.
 Aggiungere l'uovo e mescolare bene. Versare la ganache sulla tarte  in modo regolare e infornare a 150°C. il tempo oscilla tra i 15 e i 20 minuti ma occorre considerare che la ganache deve essere "tremolante" al tatto perché tende a rassodarsi fuori dal forno.



La torta può benissimo essere servita così ma Pinella per rendere la superfice più lucida la "nappava" con una crema sempre al cioccolato mista ad una gelatina speciale che io non ho trovato.
Allora ho ovviato sciogliendo un pò di cioccolato fondente con qualche cuchiaio di panna fino ad ottenere una crema liquida e ho "nappato" la torta così. 




Lo sciogliersi lento del cioccolato sotto il palato..l'abbinamento con le pere..la Pate Sucrèe che è una frolla ma di più di una frolla...rendono questa tarte "sublime".




















domenica 1 novembre 2015

Crostata di ricotta e pere con crumble alle nocciole



Se ancora non la conoscete ve la presento: è Federica Gelso Giuliani, l'autrice del blog "Una blogger in cucina". http://blog.giallozafferano.it/gelsolight/
Ecco, vi dicevo, da quando la conosco e la seguo non smetto di imparare cose nuove.
Cucina in generale; il suo blog è ricco e svariato. Ricette classiche, liht, vegetariane, ricette per bambini, ecc, ma la cosa che più mi cattura sono i suoi dolci.
Ne ho già sperimentati tanti tra i quali questa originale crostata, che è a dir poco deliziosa.
E' un dolce che si presta ad essere servito a fine pasto, perchè la crema di ricotta e pere al suo interno lo rende morbido e gustoso.
Il crumble arricchito con le nocciole gli dà un tocco molto autunnale!

Ingredienti per una crostata da 30 cm.

Per la pasta frolla:
300 gr di farina 00
150 gr di zucchero
120 gr di burro
1 uovo intero
1 pizzico di sale
Scorza di limone

Per il ripieno:

500 gr di pere a dadini
250 gr di ricotta vaccina
40 gr di zucchero
gocce di cioccolato
10 gr di burro

Per il crumble:

250 gr di farina 00
80   gr di burro
80   gr di zucchero
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
40 gr di granella di nocciole
1 uovo
1 pizzico di sale



Procedimento:

Preparare la pasta frolla impastando farina, burro e zucchero, il sale, la buccia di limone. Aggiungere l'uovo, impastare velocemente, fare un panetto e lasciare riposare in frigo per mezz'ora.
Nel frattempo sbucciare e tagliare a dadini le pere, cuocerle in padella con il burro e lo zucchero fino ad ammorbidirle e a renderle un pò caramellate.
Lasciar raffreddare le pere e unirle alla ricotta, a piacere unire gocce di cioccolata.

Preparare il crumble mischiando con le dita farina, uova, zucchero,burro fuso, fino a formare tante briciole, unire le nocciole e il lievito e un pizzico di sale.

Stendere la frolla con il mattarello, foderare una tortiera di 30 cm circa imburrata e infarinata, ritagliare la pasta in eccesso e modellare il bordo.
Versare sulle frolla la crema di ricotta, pere e cioccolato e sbriciolare sopra il crumble di nocciole livellando bene.



Infornare a 180° per 35 minuti. Se vedete che il sopra si colora un pò troppo terminate la cottura ricoprendo la torta con un foglio di alluminio.
Attendere il completo raffreddamento prima di sformare.



Spolverizzate di zucchero a velo e gustate con soddisfazione questa crostata crumble!











domenica 14 giugno 2015

Paste di meliga


Le paste di meliga sono deliziosi biscotti preparati con la farina di mais fioretto, che in dialetto piemontese viene detta meliga, mescolata con farina 00, burro, uova e zucchero. 
Le paste di meliga sono originarie del Piemonte, in particolare della zona di Cuneo e Mondovì, sono biscotti friabilissimi che vengono serviti con il tradizionale zabajone oppure accompagnate da un buon bicchiere di moscato.

Ingredienti:

200 gr di farina di mais fioretto (a grana fine)
200 gr di farina 00
200 gr di burro
150 gr di zucchero
1 uovo
1 tuorlo
1 cucchiaino scarso di lievito per dolci
mezza bacca di vaniglia 
1 pizzico di sale

Procedimento:

Sbattere in una terrina lo zucchero con il burro ammorbidito a temperatura ambiente, aggiungere le uova e in seguito le due farine (se non trovate la farina fioretto che è una farina di mais macinata molto fine potete prepararla in casa macinando in un macinino la farina classica).
Unire il lievito, la vaniglia e il pizzico di sale.
Otterrete un panetto tipo la pasta frolla che farete riposare in frigo per una ventina di minuti.
Trascorso questo tempo si dovrebbe inserire la pasta in una sac a poche con la punta dentellata e fare delle ciambelline; trovo questa operazione faticosissima, perchè questa pasta è abbastanza dura.
Potete tirare una sfoglia alta mezzo cm. e con le formine ritagliare dei biscotti, io ho comprato lo "sparabiscotti" e vi assicuro che è comodissimo. 




Inserisco la pasta poco per volta dentro il tubo e poi con le varie trafile "sparo" i biscotti direttamente sulla teglia.



I disegni sono svariati e con un pò di pazienza per cambiare ogni volta la trafila si ottengono biscotti di varie forme.

Cuocere i biscotti per 15 minuti circa in forno a 180°
Conservare in scatole di latta.







Sono ottimi come dessert accompagnati da uno zabajone oppure serviti con un bicchiere di moscato o di altro buon vino!!
Provare per credere...








venerdì 27 febbraio 2015

Cappuccino in tazza


15 / 2 / 1972   -   15 / 2 / 1975

Doppio compleanno, i festeggiati esigenti, io dovevo superarmi...
Un cappuccino in tazza di cioccolato era all'altezza della situazione..chissà se sarei riuscita nell'intento? Ecco il risultato!!

Ingredienti per 4 persone:

150 gr di cioccolato fondente
150 gr di  crema pasticcera ( per la ricetta della crema pasticcera cliccare quì )
150 gr di panna montata
caffè ristretto
biscotti savoiardi

Procedimento:

Sciogliere il cioccolato a bagnomaria. Su un foglio di carta da forno disegnare 4 rettangoli di cm 20 x 7 e spalmare sopra uno strato sottile di cioccolato.
Quando inizia a solidificare, con l'aiuto della carta, avvolgerli e unire i due lati formando dei piccoli cilindri, lasciarli indurire in luogo fresco quindi togliere delicatamente la carta.


Ora disegnare, sempre su un foglio di carta da forno 4 cilindri, ricoprire con un sottile strato di cioccolato ottenendo così i "piattini" da posizionare sotto le "tazze".


A questo punto posizionare ogni cilindro sul rispettivo piattino e legarlo con un filo oppure un nastrino, sarà un abbellimento ma anche una sicurezza...


Riempire le "tazzine" distribuendo  a strati, i biscotti savoiardi bagnati con un poco di caffè, la panna montata e un poco di crema pasticcera utilizzandone una metà, amalgamare alla crema restante un poco di caffè solubile diluito con poca acqua e stendere l'ultimo strato. 


Decorare con panna montata e qualche chicco di caffè.


I festeggiati sono rimasti a bocca aperta..io, inutile dirlo ero più che soddisfatta..e abbiamo così festeggiato il doppio compleanno!!